Sformatino di Cardi con Bagna Cauda -Bagna Caoda

Report Violation


1 di 1 Foto Chef
Carica Immagine
Inserita da: Chef
Inserita:  Antipasti
Pagine viste:  3789 Visite
Tempo Preparazione:  30 minuti
Tempo cottura:  30 minuti

Altre informazioni

Portata: antipasti
Tipo Cucina: Tradizione Italiana

Ingredienti

INGREDIENTI PER 6 PERSONE:

1 Kg di cardo gobbo di Nizza Monferrato
n 4 uova
1\2 bicchiere di latte
n 2 cucchiai di parmigiano grattuggiato
Bagna caoda

burro
pan grattato
noce moscata
sale e pepe

per la bagnacauda couda

Ingredienti e dosi per 6persone:


275 g di olio di oliva,
 240 g di acciughe sotto sale,
4 teste d'aglio,
3 dl di latte

Indicazioni

Preparazione:
Sfilettare le acciughe e dissalare i filetti, se sono filetti sott'olio scolare bene l'olio che di solito non è di prima qualità; lavarli e pestarli in poltiglia in un mortaio. Tritare finemente l'aglio e farlo marinare per un paio d'ore nel latte (cio' attutisce il gusto dell'aglio e facilita la digestione, questo passaggio non è necessario se l'aglio è sufficientemente fresco). Far sciogliere l'olio e il burro in un tegame in terracotta (in mancanza smaltato), aggiungere la poltiglia d'acciughe e, a calore appena accennato, farla incorporare; unirvi il trito d'aglio ben sgocciolato dal latte e continuare la cottura, sempre a calore tenue, per una ventina di minuti mescolando di tanto in tanto. Nel mezzo del tavolo piazzare un fornello a spirito (oppure una piastra elettrica), mettervi sopra il tegame con la bagna cauda (deve essere mantenuta ben calda durante tutto il pasto). Sistemare al centro del tavolo anche la terrina con i pezzi di cardi e di peperoni, cipollotti freschi,carote tagliate orizzontalmente,indivia, cavolo tagliato fine, e altre verdure, vanno bene davvero tutte :) . I commensali, un pezzo di pane nella mano sinistra, prendono uno per volta con lo speciale forchettino un pezzo verdura, lo asciugano con la salvietta, lo immergono nel tegame e, ben avviluppato di bagna cauda, lo mangiano. Si procede cosi' sino all'immancabile esaurimento della bagna cauda sorseggiando di tanto in tanto buon vino, appena fatto, che abbia ancora il gusto dell'uva. L'appetito, e' questa la meraviglia, rimane intatto, anzi eccitato ed in progresso. I contadini inventori della bagna cauda sin dal tempo del lumino ad olio, alla fine, per utilizzare l'eventuale intingolo che fosse rimasto, usano rompervi dentro delle uova e strapazzarle

PROCEDIMENTO:
Leesare i cardi in abbondante acqua salata. Quando saranno teneri scolarli e tagliarli in piccoli cubetti
In un recipiente sbattere i rossi d'uovo con il latte, i cardi, il pepe, la noce moscata e il sale. In un altro recipiente montare a neve gli albumi. Unire i due composti girando dolcemente.
Versare in una teglia alta o nelle formine monodose precedentemente imburrate e infarinate. Cosargere la superficie con il parmigiano grattuggiato e infornare per 30 minuti a 180°C

servire lo sformato con la bagnacauda.

 

Nessuna Recensione e' stata aggiunta